skip to Main Content
Immagine non disponibile

“Ti aiuto a diventare il fornitore preferito della Vendor List senza dover fare la guerra dei prezzi"

Immagine non disponibile

“Ti aiuto a diventare il fornitore preferito della Vendor List
senza dover fare la guerra dei prezzi"

Immagine non disponibile

"Vorresti più clienti e guadagnare di più ma odi vendere? Posso aiutarti!"

Immagine non disponibile

"Vorresti più clienti e guadagnare di più ma odi vendere?
Posso aiutarti!"

Immagine non disponibile

Aumenta i prezzi e trova nuovi clienti:
☒ senza dovergli convincere a comprare,
☒ senza mettergli pressione e insistere,
☒ senza concedergli sconti.

Immagine non disponibile

Aumenta i prezzi e trova nuovi clienti :
☒ senza dovergli convincere a comprare,
☒ senza mettergli pressione e insistere,
☒ senza concedergli sconti.

Immagine non disponibile

“Ti aiuto a portare la tua azienda al livello successivo e a renderla a prova di futuro"

Immagine non disponibile

“Ti aiuto a portare la tua azienda
al livello successivo e a renderla
a prova di futuro"

Immagine non disponibile

Per vendere di più, smetti di vendere❗

Immagine non disponibile

Per vendere di più, smetti di vendere❗

Immagine non disponibile

“Scopri come battere i concorrenti senza essere costretto a fare continuamente sconti"

Immagine non disponibile

“Scopri come battere i concorrenti senza essere costretto
a fare continuamente sconti"

previous arrow
next arrow
Slider

Quello che possono insegnarti i tuoi figli su come fidelizzare il cliente

Quello Che Possono Insegnarti I Tuoi Figli Su Come Fidelizzare Il Cliente

Ecco un’altra conversazione da bar che mi ha fatto riflettere. Poi ti dico perché.

Gianni: “Ehi, Luca… c’hai due occhiaie che fanno spavento! Che cazzo fate di notte, tu e tua moglie?”

Luca: “Lascia perdere, guarda! Elena non mi rivolge neanche più la parola: è incazzata nera perché dice che la trascuro e ha pure ragione.”

Gianni: “Che succede?”

Luca: “Mi stanno troppo addosso… non ce la faccio più!”

Gianni: “Quelli di Equitalia? Che schifo… sono dei succhiasangue, quelli! Non sai quanto ti capisco.”

Luca: “Ma no, non hai capito: io parlo dei clienti! Sono loro che mi stanno addosso…”

Gianni: “Ma sei scemo?? Cioè, spiegami… tutti si lamentano perché non riescono a trovare nuovi clienti e tu ti lamenti perché i tuoi ti stanno troppo addosso?”

Luca: “Tu non puoi capire… sono davvero diventati un problema.

Mi chiamano a QUALSIASI ora, tutti i giorni, secondo loro devo scattare sull’attenti ed essere sempre disponibile… e quando dico  sempre, dico SEMPRE!

Sai come mi sento? Come quando hai addosso in continuazione tanti bambini viziati, che continuano a strattonarti e a chiederti cose: caramelle, attenzioni…!

Non ci dormo la notte. Anche perché sai che succede se non rispondo e non faccio sempre quello ultra disponibile? Indovina!”

Gianni (ridendo): “Ti vengono a cercare a casa per menarti!!”

Luca:Guarda che non c’è un cazzo da ridere…

Il discorso è un altro: quelli pretendono da me fedeltà e dedizione assoluta, ma sono prontissimi a svoltare l’angolo e a cercarsi qualche altro fornitore se non rispondo a tutti i loro capricci.

E’ un inferno, te lo giuro… ultimamente è diventato un INFERNO!”

Per caso ti sei riconosciuto in questa bella scenetta? Sì?

Se è così…sappi che:

Nell’Elettronica Industriale succede sempre più spesso!

Significa che non sei più un imprenditore, ma sei diventato un DIPENDENTE DEI TUOI CLIENTI.

Ti considerano un loro reparto di produzione, un subalterno.

La situazione non è rara e molto spesso ha radici profonde, che affondano nel passato.

Questo soprattutto quando la tua azienda non è proprio… (come dire?)… giovanissima.

Tanto tempo fa, quando si campava di Passaparola spontaneo e i clienti che c’erano bastavano, la relazione che si sviluppava tra imprenditore e cliente era spesso un rapporto esclusivo. Totalizzante!

Basato sulla fiducia (…e sulla sottomissione)

Il cliente era ABITUATO a venire da te.

Non gli capitava mai di chiedersi: “Ehi! Vediamo se c’è qualcosa di meglio, svoltato l’angolo…”

Questa situazione da età dell’oro, però, ormai appartiene al passato.

A un passato che NON tornerà e prima te ne fai una ragione, meglio é!

Nello specifico, le cose che sono cambiate, sono queste:

1- I clienti fedeli che ti porti dietro, sono MOLTI MENO, rispetto a prima.

Alcuni di loro hanno chiuso la loro attività, altri l’hanno delocalizzata, spostando armi e bagagli altrove.

Questa situazione, ovviamente, ti rende ansioso.

Psicologicamente, ti lega molto di più ai ‘pochi’ clienti rimasti perché te li fa percepire come necessari e insostituibili.

Riassumendo: sia economicamente che psicologicamente, inizi a sentire che DIPENDI DAI TUOI CLIENTI.

2- I clienti, invece – a differenza di te – ora hanno un ventaglio di possibilità di scelta che prima non avevano.

I tuoi competitor sono agguerritissimi e ci vuol poco perché uno di loro si mostri più disponibile o più a buon mercato di te.

Quindi…

I tuoi clienti iniziano a sentirsi più indipendenti da Te!

Ma soprattutto… capiscono che possono ricattarti!

Non li soddisfi al 100%?

Non stai sull’attenti 24 ore su 24?

Loro ti mandano affanculo e se ne vanno da un altro.

In poche parole: ti mettono le corna! 🤘

La domanda, quindi, ora è questa:

Cosa puoi fare Tu per cambiare questa situazione?

Magari ti starai dicendo:

“Bè, che problema c’è… i clienti mi chiedono 100? E io gli do 200! Amo il mio lavoro, ci credo! Bisogna essere assolutamente professionali”

Errore!!

La pensi davvero così?

Il tuo, è un errore grande come una casa: sai perché?

Il primo motivo te lo possono far capire i tuoi figli (se ne hai).

Quando hai dei bambini, infatti, la prima cosa che impari è che le loro richieste non si spengono se continui ad assecondarli… anzi!!

Ti faccio un esempio:

Sai quando iniziano a fare i capricci e si mettono a urlare in mezzo alla strada e tu per non fare figuracce davanti a tutti glielo compri.

Stai alimentando un mostro, un piccolo tiranno.

Questo vuol dire che la prossima volta ti chiederà 1 gelato +… 1 giocattolo.

Poi 1 gelato + 1 giocattolo + l’iPhone per giocare.

Poi 1 gelato + 1 giocattolo + l’iPhone per giocare + 1 Playstation… e via di seguito…

Fino a quando tu sarai stremato, spennato e non potrai più soddisfare le loro richieste.

Complimenti!

Hai appena creato un hooligan, un vampiro succhia energie e soldi che ti rovinerà per sempre l’esistenza!

Ecco, con i clienti viziati, la situazione è praticamente la stessa.

Con la differenza che nessuno li obbliga a rimanere con te e che sono liberi di andarsene quando vogliono.

Con il miglior offerente.

Tu invece resterai lì, nel tuo brodo: con un cliente in meno e senza forze.

E magari con la tua vita privata che se ne va a puttane perché tua moglie si è rotta le palle di star lì ad aspettare uno che non c’è mai e ha sempre la testa altrove…

“E quindi?? Cosa faccio: mi sparo??”, ti starai chiedendo.

Tranquillo. No: una via di uscita c’è.

C’é un libro di Asha Phillips una psicoterapeuta infantile “I no che aiutano a crescere” che accompagna il neo genitore nelle varie fasi di crescita e offre un punto di vista nuovo sull’educazione.

Allo stesso modo

Devi imparare ad educare i tuoi clienti a fare Business con Te

La trasformazione riguarda più te che il cliente.

Durante il Corso di Vendita per il B2B Industriale  ti insegno come trasformarti da Commodity a Specialista fino a diventare l’Autorità nel tuo settore e non dover più dipendere da pochi clienti.

Se vuoi sapere come fidelizzare i tuoi clienti e aumentare le vendite iscriviti subito cliccando il pulsante rosso qui sotto:

 

 

Adesso scusa è sabato e (sai com’è!) mia moglie e i miei figli mi aspettano per un fine settimana super (io non li trascuro più, a differenza del disperato che ho incontrato al Bar!).

Quindi… Se vuoi sapere come posso aiutarti concretamente chiama subito il Numero Verde Gratuito

 

P.S: Buon week end 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top